Archivo mensual: noviembre 2016

Mario Giro, Deputy Minister for Foreign Affairs and International Cooperation of Italy: Italy will help Colombia in building peace, note by Morsolin C.

giro-mario

Mario Giro, Deputy Minister for Foreign Affairs and International Cooperation of Italy, declared:

“Italy congratulates friends of Colombia for signature of peace agreement today. We will help you in building peace!

I am pleased that Italy, through civil society initiatives like those of the Sant’Egidio organisation, has constantly encouraged this process.

After the general agreement is signed, Colombia will to able to express its full economic and social potential. A chapter that has lasted nearly 70 years and which saw nearly 500,000 victims will be closed. The peace will open up new challenges and Italy is ready to make its contribution.

Cooperation is instrumental to enhancing democracy and to spreading the positive face of an Italy that knows how to show solidarity to those in need, build peace and support development”.

Mr. Mario Giro retwit 2 message of Cristiano Morsolin, social worker and italian researcher in Latin America since 2001:

Mario Giro retwitteó

Cristiano Morsolin ‏@morsolin1  24 nov.

Llamado presidente Santos para la paz

“Trabajemos juntos, superemos las diferencias y Trabajemos por la paz” @JuanManSantos

Mario Giro retwitteó

Cristiano Morsolin ‏@morsolin1  24 nov.

Construir paz en regiones más afectadas x conflicto,

Este Nuevo Acuerdo nos permite trabajar juntos como Nación para recuperar las regiones más afectadas por el conflicto, para reconciliarnos@JuanManSantos

Next Step in Peace Process Is to Continue Pressure: Ivan Cepeda

Morsolin Cristiano opened on 2007 a project of international cooperation with national italian network agaist mafia LIBERA and MOVICE social movement and Milan Governament.

After Colombian President Juan Manuel Santos announced the new peace agreement with the FARC will be approved by Congress, Senator and human rights activist  Ivan Cepeda says the next step is to work tirelessly to pressure authorities to fulfill it.

According to Cepeda, “not only international organisms but local courts,” will pressure the Colombian state to diligently abide by all the agreements. “What we’ll see in the future is an acceleration and an important incentive to respect the rights of the victims of the conflict,” Cepeda told teleSUR. According to Cepeda, the right-wing opposition didn’t want the agreement to be approved by Congress since Santos has strong support and a majority in the legislature.

“There are still some sectors with economic and political interests in war and drug trafficking. They use drug traffic to incentivize war and they live under the theory that war creates commerce.” On Tuesday, Santos said the legislative branch has “not only the legitimacy of the popular vote,” but represents “all the views and political options in the country.” “I will play the role of a facilitator,” said Cepeda. “I will dedicate myself completely to the implementation of the agreements.”

The senator also says the role of the legislators, human rights activists and supporters of peace, is to pressure the government to comply by the agreement word for word. “I believe it’s a civic duty, a patriotic act,” said Cepeda. “Peace is the duty of all Colombians.“ According to Cepeda, people need to pressure the government to resume talks with the National Liberation Army, or ELN, the second guerrilla in the country. The talks with the ELN, scheduled to take place in Quito, Ecuador were suspended by the government hours before it started, as they alleged the ELN had not confirmed the release of a prisoner. Cepeda says these talks are fundamental for peace. Cepeda’s father, Manuel Cepeda was a leader of the Communist Party of Colombia and a congressman for the Patriotic Union, who was murdered in 1994, when paramilitary forces killed two presidential candidates, eight senators, 13 legislators, 70 council members and 11 mayors.

Colombia: Il prezzo della pace di C. Morsolin

guerra-foto2

Il presidente colombiano Juan Manuel Santos ha firmato giovedi 24 novembre a Bogotá un nuovo trattato di pace con Rodrigo Londoño, leader delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc). Il nuovo accordo sarà sottoposto all’approvazione del parlamento. Non ci sarà un nuovo referendum popolare come quello che il 2 ottobre ha bocciato il primo accordo (http://www.farodiroma.it/2016/10/05/colombia-si-riapre-lo-scenario-per-una-pace-possibile-ma-bisogna-far-presto-di-cristiano-morsolin/  ).

Durante la cerimonia protocollare celebrata nel teatro Colon della capitale, il capo delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia-Esercito del Popolo (FARC-EP) Timoleon Jimenez affermò che l’accordo firmato è frutto dell’apporto di gruppi di vittime e di tutti i cittadini che appoggiarono sulle strade ed altri scenari i dialoghi a favore della distensione.

“Il popolo è stufo di violenza, di intolleranza, di stigmatizzazioni, vuole cambiamenti profondi (…) che cessi la corruzione, l’inganno; la prima domanda nazionale è che si metta fine all’impiego delle armi nella politica, che si garantisca il diritto a dissentire, a fare opposizione, a protestare contro leggi ingiuste, contro l’arbitrio”, conclude il comandante ribelle.

La cerimonia che si è svolta nel Teatro Colon di Bogotà con la presenza di rappresentanti del governo e delle autorità locali è stata celebrata molto sotto tono, ben altra cosa rispetto alle celebrazioni in pompa magna tenute a settembre nella città costiera di Cartagena (http://www.farodiroma.it/2016/09/27/colombia-e-finita-la-notte-terribile-della-violenza-di-cristiano-morsolin/  ) in cui erano stati invitati anche alcuni leader mondiali e il segretario delle Nazione Unite Ban Ki-Moon.

Continua a leggere:

http://www.farodiroma.it/2016/11/26/colombia-il-prezzo-della-pace-di-c-morsolin/

Colombia: Nuevo acuerdo de paz y el aporte de Papa Francisco en la lucha en contra de las mafias, artículo de Morsolin para ALAI

colombia-accordo-pace

Se firmó el nuevo acuerdo de la paz en Colombia. El evento se llevó a cabo pasadas las once de la mañana de este jueves, en el Teatro Colón de Bogotá, con la participación de representantes del Gobierno nacional y las Farc. El presidente Juan Manuel Santos y Rodrigo Londoño, alias Timochenko, sellaron con balígrafos, un lapicero elaborado con una bala, el nuevo acuerdo logrado en las pasadas semanas y que, según el primer mandatario de los colombianos, es definitivo.

“Hoy hemos firmado, aquí en este escenario histórico, ante el país y ante el mundo, un nuevo acuerdo de paz con las Farc. El definitivo… el acuerdo del Teatro Colón”, señaló el presidente en su discurso, luego de que el jefe de las Farc hablará ante los asistentes.

(…)En unas declaraciones difundidas el viernes 26 de septiembre por medios colombianos, el Papa Francisco se refirió al plebiscito, subrayando “tengo que decir que el presidente (Juan Manuel) Santos está arriesgando todo por la paz, pero veo también otra parte que está arriesgando todo para continuar la guerra. Esto hiere el alma”, añadió el Santo Padre en un video divulgado por la prensa. En el corto video, Francisco aseguró que “yo prometo que cuando este acuerdo sea blindado por el plebiscito, el reconocimiento internacional, yo iré a Colombia para enseñar la paz” (3).

“Necesitamos contundencia combate a mafias y narcotráfico” ha declarado el Presidente Juan Manuel Santos: esta lucha común en contra de las mafias globales es un desafío impulsado por el Papa Francisco, que representa un importante aporte por la paz en Colombia.

Continúa a leer:

http://www.alainet.org/es/articulo/181959

Fra due ore si firmera´accordo definitivo di pace in Colombia, speciale di Morsolin

Presidente santos y yo de espalda 3 agosto 2016

Este proceso ha estado acompañado siempre por la creatividad, expresó el Presidente Santos este miércoles, en el Encuentro Nacional “La creatividad para construir paz”, organizado por el diario El Espectador.

Oggi h. 11.00 al Teatro Colon di Bogotá si firmera’ accordo definitivo di pace (dopo 4 annunci e varie versioni).

Da Londra, giovedi 3 novembre, il presidente Juan Santos ha dato l’ordine all’equipe negoziatrice del Governo di volare all’Avana per definire con la FARC le nuove modifiche dopo il referendum che includano le 410 proposte elaborate dal Centro Democratico, capitanato dall’ex presidente Alvaro Uribe. La maratona del presidente Santos è contro il tempo: un nobel di pace non si può ricevere senza raggiungere la pace definitiva e quindi sembra ostaggio della cerimonia ufficiale ad Oslo, il 10 dicembre.

È stato firmato a L’Avana, capitale di Cuba, sabato 12 novembre, il nuovo accordo di pace tra il Governo colombiano e il gruppo guerrigliero (Forze armate rivoluzionarie della Colombia), Farc-Ep, a soli quaranta giorni dalla bocciatura del precedente accordo da parte dei colombiani, in occasione del referendum confermativo, di cui FarodiRoma ha ampiamento scritto.

L’accordo parziale firmato è “il migliore” che poteva essere raggiunto, ha precisato il rappresentante di Bogotà nel tavolo dei negoziati, Humberto La Calle. “È il trattato della fiducia”, ha sottolineato a sua volta il rappresentante delle Farc Ivan Marquez. La partecipazione politica degli ex guerriglieri delle Farc resta l’unica componente invariata. Secondo quanto emerso, comunque, le Farc non riceveranno automaticamente seggi al Congresso, ma potrebbero candidarsi alle elezioni.
Il capo dello Stato colombiano ha detto che nel nuovo testo vengono definite con precisione “le restrizioni della libertà” cui saranno sottoposti i membri delle Farc. È stata quindi recepita una delle obiezioni principali del fronte del ‘no’ al referendum.

Il giudizio di Santos

Dall’Economic Coperation Forum Asia-Pacifico (Apec) che si sta tenendo in questi giorni a Lima, il presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, ha affermato che il nuovo accordo di pace raggiunto dal governo con le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (Farc) è “molto meglio” di quello che è stato firmato lo scorso settembre e respinto poi con il referendum del 2 ottobre. Il nuovo accordo, che prevede 56 modifiche sostanziali, sarà sottoposto all’approvazione del Congresso colombiano così come aveva chiesto il suo predecessore e sostenitore del “no” Alvaro Uribe. “Non potevamo sprecare sei anni di negoziati con un probabile ritorno alla guerra. Sarebbe stata una mossa assurda” ha detto Santos, che ha tenuto anche a sottolineare l’importanza di ottenere a breve il via libera per il nuovo accordo.

“Il nostro è l’ultimo conflitto nel continente americano che diventerà un continente in pace in un mondo che, purtroppo, ancora ha molti problemi e molte guerre”. Il Presidente colombiano non ha dimenticato di rimarcare il “sostegno internazionale” sia da parte degli Stati Uniti attraverso il Segretario di Stato John Kerry che dell’Unione europea. Durante il vertice Santos ha avuto alcuni bilaterali importanti, con il primo ministro giapponese Shinzo Abe e il presidente cinese Xi Jinping ma anche con il presidente del Messico, Enrique Pena Nieto, del Cile, Michelle Bachelet, e con il padrone di casa peruviano, Pedro Pablo Kuczynski. Al Presidente colombiano, da Cuba, fa eco il capo delle Farc Rodrigo Londono Echeverri, alias ‘Timoshenko‘, che ha confermato “il nuovo accordo siglato con il governo è definitivo“. Londono ha rimarcato che le Farc stanno adempiendo “rigorosamente” a quanto stabilito in quanto “gli accordi sono sacri” e ha evidenziato, come Santos, l’importanza della partecipazione della società civile nella stesura del nuovo documento: “La Colombia è in debito con voi”.

I termini del nuovo accordo

Sulla controversa questione della giustizia, il capo negoziatore del partito di governo, Humberto de la Calle, ha fatto capire ai giornalisti che sarebbe stata mantenuta la disposizione che gli autori di reati gravi pentiti eviteranno la prigione. “Le caratteristiche e i meccanismi di restrizione della libertà sono stati specificati in modo concreto”, ha detto, affermando ugualmente che il sistema giudiziario speciale da istituire non includerà giudici stranieri, contrariamente a quanto è stato inizialmente previsto.
Da parte loro, le Farc si sono impegnate a effettuare” un inventario di beni e attiviti” nel quadro del risarcimento alle vittime.

Commenti coraggiosi dalla Farnesina

Soddisfazione della Farnesina per il nuovo accordo di pace tra le Farc e il governo colombiano, dopo la bocciatura della prima intesa nel referendum del 2 ottobre. “Mi auguro che nuovo accordo tra Governo e Farc sia passo decisivo verso una pace duratura” commenta Paolo Gentiloni.

Il vice ministro degli Esteri del Governo italiano con delega alla cooperazione internazionale, Mario Giro, ha idee chiare su questa trattativa: “il “Trattato della fiducia” include punti respinti da chi sostenne il No al referendum.
Le dichiarazioni di Uribe, da sempre oltranzista, personalmente mi fanno ben sperare. Non ci sono retroscena da raccontare su questo nuovo trattato: per il futuro del Paese adesso ci vuole fiducia tra le parti e ancora un po’ di tempo. Felice e spontanea in questo senso è stata la definizione che Marquez (Farc) ha dato al nuovo accordo: “Il trattato della fiducia”.
Il governo della Colombia e il gruppo guerrigliero delle Farc hanno infatti raggiunto a Cuba un nuovo accordo di pace che include alcuni dei punti richiesti dal fronte di chi nel referendum dello scorso 2 ottobre ha respinto la prima intesa tra le due parti.
L’accordo di poche ore fa, raggiunto all’Avana dopo diversi giorni di trattative, è “il migliore” che poteva essere raggiunto, ha precisato il rappresentante di Bogotà nel tavolo dei negoziati, Humberto La Calle. Da parte sua, l’ex presidente Alvaro Uribe, tra i principali e influenti fautori del ‘no’ nel referendum di ottobre, ha in una breve dichiarazione chiesto che quello annunciato all’Avana non sia considerato un accordo “definitivo”. Ancora una volta, non si può tornare indietro. La pace definitiva è a un passo”, conclude Mario Giro.

La dichiarazione coraggiosa di un rappresentante diplomatico del Governo Renzi che considera Uribe “un presidente da sempre oltranzista” costituiscono un importante riconoscimento politico anche al lavoro della societa’ civile che da oltre un decennio considera Uribe, un rischio per la democrazia. Numerosi analisti e accademici colombiani hanno introdotto nelle scienze politiche la categoria dello “Stato catturato dalle mafie”: al riguardo ho pubblicato un libro con l’Istituto CINEP e la Pontificia Universita’ Javeriana dei gesuiti a Bogotá.

CONTINUA A LEGGERE:

http://www.farodiroma.it/2016/11/21/colombia-lotta-contro-il-tempo-per-approvare-le-modifice-al-trattato-di-pace-di-c-morsolin/

Entrevista a Anne-Lise Robin – Oficina de la Representante Especial del Secretario General para los niños y conflictos armados Leila Zerrougui, de Morsolin C.

DCIM100HPDVC

Anne-Lise Robin es Oficial de Asuntos Políticos de la Oficina de la Representante Especial del Secretario General para los niños y conflictos armados, Leila Zerrougui.

En esta entrevista exclusiva, Madame Robin analiza los principios que inspiran el trabajo de Naciones Unidas sobre los niños y niñas utilizados en los conflictos armados, con especial énfasis en el caso colombiano.

Anne-Lise Robin comenta el libro “El caracol sentipensante. Una Escuela Viajera que construye una educación popular para la paz desde las periferias”, que he elaborado junto a Ibon Oviedo y Nancy Pulido (Ediciones Antropos y Fundación Escuela Viajera, noviembre de 2016); al respecto Anne-Lise Robin declara que la sociedad civil colombiana e internacional (como por ejemplo la Fundación Escuela Viajera de Bogotá y el Observatorio sobre Latinoamérica SELVAS de Milán) cuenta con el respaldo de la Representante Especial del Secretario General para los niños y conflictos armados Leila Zerrougui, para aportar aprendizajes que sean útiles para el proceso de paz.

DCIM100HPDVC

 FOTO: Anne-Lise Robin, Oficial de Asuntos Políticos de la Oficina de la Representante Especial del Secretario General para los niños y conflictos armados, Leila Zerrougui, comenta el libro “El caracol sentipensante”.

ENTREVISTA EXCLUSIVA DE MORSOLIN:

Mensaje de Morsolin para el aniversario de los 40 años del Manthoc-Perú

manthoc-40-anos-oct2016

Queridos y queridas NATs y Educadores del Manthoc,

Queridas Patricia Rivera, Cecilia Ramirez, Alejandro Cussianovich,

Felicitaciones para este histórico aniversario de 40 años de lucha y camino. Recuerdo con emoción cuando hemos compartido junto el aniversario n.25 (en 2001) y n. 30 (en 2006) en Lima.

Considero que el MANTHOC ha abierto caminos para toda la humanidad con relación a la participación protagónica de sujetos históricamente excluidos como los NATs y el trabajo en condiciones dignas.

Aquí en Bogotá hemos trabajado muy duro con relación a la Cumbre Mundial de Alcaldes y gobiernos Locales en Bogotá y la Conferencia ONU Hábitat 3 en Quito que – por primera vez – ha reconocido el derecho a la ciudad, tema que estoy trabajando en estos últimos años con varios libros e investigaciones en español, portugués y francés, espero que en otra ocasión podemos conversar directamente en Lima.

Ahora envio esta video-entrevista a la Congresista Marisa Glave, que nos ha acompañado aquí en Bogotá.

“El compromiso político de izquierda de Marisa Glave y del Frente Amplio evidencia la importancia de incluir adentro del derecho a la ciudad también a sectores históricamente excluidos como la infancia y adolescencia trabajadora que, en el 40* Aniversario del Manthoc (que el día 27 de octubre de 2016 celebra en Lima el seminario internacional “NATs, 40 años unidos, organizándonos por los derechos de la infancia) subraya su propuesta de ciudadanía activa y de trabajo en condiciones dignas con proyección mundial”, concluye Cristiano Morsolin, investigador italiano, experto de derechos humanos en Latinoamérica.

VIDEO ENTREVISTA INTEGRAL:

https://www.youtube.com/watch?v=iI8UpRmV-oM&feature=youtu.be

Abrazos grandes y después me comentan como fue el seminario int y la celebración…

Cristiano Morsolin

Bogotá, 26 de octubre de 2016

Trump ripeterá gli errori di Reagan in Nicaragua?, inchiesta di Morsolin

Nicaragua.jpg

Il capo dello stato uscente Daniel Ortega vince le elezioni presidenziali in Nicaragua.

Le urne lo hanno riconfermato domenica con il 73,2% dei voti, su circa 4 milioni di aventi diritto. L’ex comandante sandinista, che ha confermato le previsioni dei sondaggi, assumerà l’incarico il prossimo 10 gennaio insieme alla vicepresidente Rosario Murillo, un’altra storica dirigente, moglie di Ortega. Governeranno fino al 2022.

Al secondo posto, Maximino Rodriguez, del Partido Liberal Constitucionalista (Plc), una delle sei formazioni – tutte variamente modulate a destra -, che ha totalizzato il 14,2% dei voti. Si è recato alle urne il 65,8% degli iscritti a votare, per eleggere anche 20 deputati nazionali, 70 a livello dipartimentale e regionale e 20 al Parlamento centroamericano.

La parabola di Daniel Ortega sembra non avere fine: e’ il candidato del Fsln (Frente sandinista de liberación nacional) e lo è stato a tutte le elezioni che si sono succedute nella repubblica centroamericana dopo la vittoria dei sandinisti il 19 luglio 1979. Il 4 novembre 1984, a 39 anni, Ortega aveva vinto con il 63 per cento dei voti le prime elezioni libere dopo la caduta del dittatore Anastasio Somoza. Sconfitto nel 1990 dall’ex alleata nella Giunta di ricostruzione nazionale Violeta Barrios de Chamorro (che guidava una coalizione di 14 partiti), non gli era andata bene neanche nei due turni successivi, ma nel novembre 2006 è tornato a essere il presidente di 5,6 milioni di nicaraguensi.

Il consenso di Ortega e del Fsln è tuttavia indubbio, frutto di un largo riconoscimento popolare. Dopo 17 anni di governi neoliberisti, è riuscito a tirar fuori il paese dall’abisso, costruendo un’alleanza anche con i settori imprenditoriali interessati alla crescita dell’economia nazionale, che ha fatto registrare un aumento annuale del 4,5% (più del doppio di quello che è avvenuto in tutta l’America Latina). Nel 2007, Ortega aveva ereditato il secondo paese più povero dell’America latina. Nell’ultimo decennio, grazie alla cooperazione di Cuba e Venezuela all’interno dell’Alba e alle politiche pubbliche, il Pil è cresciuto del 40%.

Da sottolineare che il 45% del Pil lo produce l’economia popolare (cooperative, imprese autogestite o recuperate…) e che il Nicaragua ha già raggiunto la sovranità alimentare grazie alla diversificazione degli alimenti, includendo una sovrapproduzione di carne e latte che va all’esportazione.

Dati macroeconomici che si trasferiscono alla vita quotidiana: “progressi nella costruzione di strade e nell’elettrificazione, a cui la gente dà molto valore. Educazione e salute pubbliche e gratuite. Piani sociali come Hambre Cero (Fame Zero), Usura Cero, buoni produttivi.

A questo va sommato l’alto livello di sicurezza, in una regione considerata tra le più violente al mondo.

Secondo gli analisti, il fatto che il Nicaragua sia impermeabile al terribile fenomeno della mara o pandilla – dipende dal controllo sul territorio, che riescono a esercitare le strutture sociali e la polizia comunitaria, figlie della Rivoluzione sandinista.

Questi buoni risultati nella lotta contro la povertá spesso non bastano agli osservatori internazionali che interpretano negativamente “l’organizzazione autoritaria” della famiglia Ortega.

Continua a leggere:

http://www.farodiroma.it/2016/11/11/trump-ripetera-gli-errori-di-reagan-in-nicaragua-inchiesta-di-cristiano-morsolin/