Guatemala: manifestazioni contro la volontà del presidente Morales di espellere funzionario Onu anticorruzione. Commento Morsolin per agenzia SIR-CEI.

guate CICIG

Prosegue da giorni a Città del Guatemala, capitale dell’omonima repubblica centroamericana, la protesta di numerosi di cittadini e ong contro l’annunciata decisione del presidente Jimmy Morales di voler espellere, in quanto persona non gradita, l’alto funzionario Onu Iván Velásquez, colombiano, coordinatore della Commissione Cicig (Commissione internazionale contro l’impunità in Guatemala). Un tentativo, per ora stoppato dalla Corte Costituzionale, che trova la sua origine nella richiesta da parte di Velásquez di togliere l’immunità a Morales, con lo scopo di verificare possibili episodi di corruzione messi in atto durante la campagna elettorale che ha portato il presidente, in precedenza comico televisivo, alla guida del Paese.

“Ho conosciuto a Bogotá il magistrato colombiano Iván Velásquez che in Colombia ha lavorato molto nel denunciare e perseguire la para-politica e la corruzione”, commenta dalla capitale colombiana per il Sir Cristiano Morsolin, esperto di diritti umani e di questioni latinoamericane. “Il Guatemala è una Repubblica presidenziale con una storia politica di colpi di Stato e guerra civile. Il sistema giudiziario del Paese è malfuzionante e corrotto e per questo motivo è stata creata nel 2007 la Cicig: un esperimento delle Nazioni Unite nato per combattere attivamente la corruzione nel Paese, contrastare la criminalità organizzata e smantellare i traffici illeciti, a fianco del sistema giudiziario locale. La Cicig è la dimostrazione che esiste una giustizia transnazionale efficace, negli anni scorsi le Nazioni Unite hanno appoggiato la condanna per corruzione che nel 2015 ha portato all’arresto dell’allora presidente della Repubblica, l’ex generale Otto Pérez Molina”.

Per Gerard Lutte, professore emerito all’Università La Sapienza e coordinatore del Movimento dei giovani di strada del Guatemala Mojoca, “la mossa di Morales non è stata ben calcolata, perché immediatamente l’Onu, l’Unione europea, gli Usa e molti altri Paesi hanno manifestato il loro appoggio a Velásquez. Anche in Guatemala, molte Associazioni si sono schierate con il giudice colombiano e il popolare procuratore della Repubblica Thelma Aldana”.

https://agensir.it/quotidiano/2017/8/31/guatemala-manifestazioni-contro-la-volonta-del-presidente-morales-di-espellere-funzionario-onu-anticorruzione/

 

Anuncios

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s