CIPSI (coordinamento di 30 Ong) pubblica nuovo numero della rivista Solidarietà internazionale, con articolo di Morsolin

cipsi copertina giugno 2017

Affari di morte. È uscito il n. 3/2017 della rivista Solidarietà internazionale. In questo numero… La Copertina: Affari di morte – Dossier: La strategia dell’Agenda Onu 2030: acqua e cooperazione a cura di R. Lembo. La visione dell’accesso universale all’acqua; Il “Capitale Naturale”; Acqua e Cooperazione.

 IN QUESTO NUMERO:

Editoriale – Dalla parte dei poveri.

Un Editoriale molto speciale, questo del n.3 di Solidarietà Internazionale. Dedicato, a sua insaputa, al direttore editoriale della rivista: Eugenio Melandri, da poco vincitore del prestigioso Premio Brisighella per la Pace e i Diritti Umani, in riconoscenza dell’impegno che ha caratterizzato le sue innumerevoli attività di aiuto ai più deboli, indifesi, poveri della Terra. La Solidarietà è da sempre il leitmotiv della vita di Eugenio che, proprio per questo, si è guadagnato tutta la nostra stima e ammirazione. Alla sua sensibilità, al suo coraggio, alla sua tenacia, dedichiamo questo editoriale.

 La copertina – Affari di morte

a cura di Nicola Perrone

Più di 14,6 miliardi di euro: è il valore delle esportazioni di sistemi militari autorizzate dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) italiano. Un record storico dai tempi in cui si hanno informazioni certe e ufficiali. E sempre più armi a regimi autoritari. Il dato più eclatante è quello dei fondi MISE: quasi il 90% degli incentivi alle imprese da esso erogati andrà al comparto difesa. Interi stock di armi vengono trasferiti da un’area di crisi all’altra: caso esemplare sono gli immensi arsenali della Libia di Gheddafi, smembrati dopo la guerra, e finiti in Mali, in Siria e altrove. Si assiste ad una accresciuta competizione fra Governi alla ricerca di vendere più armi. I risultati di queste politiche sono le migliaia di profughi e migranti che con ogni mezzo cercano rifugio sulle nostre coste, di cui sentiamo parlare ogni giorno. Mentre delle bombe –anche italiane- che alimentano questi conflitti, i maggiori media nazionali sembrano non sapere nulla. La società civile internazionale domanda un’inversione di rotta.

 Una pace instabile, di C. Morsolin;

La Colombia è il caso più emblematico della diseguaglianza in America latina. L’evoluzione degli accordi di pace dopo il referendum. Garantire la continuità del cessate il fuoco. Nonostante tutto, il conflitto continua.

CONTINUA A LEGGERE:

http://cipsi.it/affari-morte-uscito-n-3-della-rivista-solidarieta-internazionale/

Anuncios

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s