Agenzie AGI e SIR diffondono intervista di Morsolin a Sandro Calvani, esperto ONU

Sandro-calvani

Colombia: Pace tra governo e Farc. Calvani (esperto Onu), “un accordo storico, dopo mezzo secolo di violenza”

23 giugno 2016

“Oggi La Colombia firma un accordo storico, vince pace e felicità deponendo per sempre le armi. Fai festa Colombia, l’hai meritata”. Così Sandro Calvani, docente di relazioni internazionali e politiche di risoluzione dei conflitti e degli aiuti umanitari (per anni ha lavorato in Colombia per le Nazioni Unite), commenta la storica firma all’Avana del definitivo cessate il fuoco bilaterale tra il presidente della Colombia Manuel Santos e il comandante dei guerriglieri delle Farc Carlos Lozada, che segna la fine di una guerra civile che dura da oltre mezzo secolo.  “Donde no hay bala hay baile… dove non si spara si fa festa. Così insegna un notissimo detto colombiano – dice Calvani in una intervista a Cristiano Morsolin, esperto di diritti umani in America Latina, che vive in Colombia -. Quello colombiano è infatti un brutto record mondiale di violenza prolungata nel tempo. Oltre 220mila morti causati del conflitto dal 1958 ad oggi e oltre sei milioni di vittime dei crimini di guerra, se si aggiungono tutti coloro che hanno perso la casa, la terra, il lavoro o il luogo di residenza, resi handicappati dalle mine e altri esplosivi, donne e bambini violentati, sequestrati, minacciati e vittime del terrorismo o di atti di tortura perpetrati un po’ da tutte le parti, dalle Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia, la più efferata forma di terrorismo diffuso in America Latina, alle autodefensas di estrema destra, fino alle diverse milizie legali ed illegali, senza escludere numerosi abusi della forza pubblica come esercito e polizia. E allo stesso tempo la grandissima speranza e capacità di resistenza del meraviglioso popolo colombiano ne fanno la gente più felice al mondo”. I negoziati di pace sono iniziati a Cuba nel 2012. Il governo colombiano spera di firmare l’accordo finale di pace il prossimo 20 luglio.

 

http://agensir.it/quotidiano/2016/6/23/colombia-pace-tra-governo-e-farc-calvani-esperto-onu-un-accordo-storico-dopo-mezzo-secolo-di-violenza/

 

 

19:18, Giovedi 23 Giugno 2016

(AGI) – CdV, 23 giu. – “‘Donde no hay bala hay baile… dove non si spara si fa festa’. Cosi’ insegna un notissimo detto colombiano che imparai all’inizio degli anni 2000 nei primi giorni di servizio diplomatico per le Nazioni Unite in Colombia. Lo racconta a Cristiano Morsolin – esperto di diritti umani in America Latina –  Sandro Calvani,per lunghi anni nel servizio diplomatico per le Nazioni Unite in Colombia e che oggi festeggia con il popolo colombiano la firma degli accordi tra il Governo e le Farc ricordando il brutto record mondiale di violenza prolungata nel tempo per quasi sessant’anni. “Sono infatti oltre 260.000 – elenca l’esperto di relazioni Internazionali e politiche di risoluzione dei conflitti e degli aiuti umanitari, attuale consigliere speciale della Mae Fah Luang – i morti causati del conflitto dal 1958 ad oggi e oltre sei milioni di vittime dei crimini di guerra, se si aggiungono tutti coloro che hanno perso la casa, la terra, il lavoro o il luogo di residenza, mutilati dalle mine e altri esplosivi, donne e bambini violentati, sequestrati, minacciati e vittime del terrorismo o di atti di tortura perpetrati un po’ da tutte le parti”. “Ma tutti i colombiani – dichiara Calvani – ormai sono d’accordo che ‘toda bala es perdida, qualunque proiettile e’ inutile’, come canta Cesar Lopez, l’inventore della escopetarra, i mitra AK47 trasformati in chitarre, tagliando via la canna in modo che possano produrre solo musica di pace”. (AGI)

http://www.agi.it

Anuncios

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s